w Quando l'arredamento e il layout della stanza di ospedale influenzano la guarigione dei pazienti
04-07-2016

Healing Environment: l’arredamento della stanza e la guarigione dei pazienti

Condividi questo articoloTwitterFacebookGoogle+LinkedinPin It

Negli ultimi anni sono stati eseguiti molti studi scientifici con lo scopo di valutare il rapporto tra l’ambiente ospedaliero (inteso come arredamento tecnico per ospedali) e la guarigione dei pazienti. I risultati sono in un certo senso sorprendenti perché, oltre ad aspetti “medici” già noti, emergono anche legami più sottili tra una guarigione ottimale e i dettagli “d’arredamento” della stanza di degenza.

Questo articolo prende spunto da uno studio molto completo in merito, dal titolo “Healing Environment: A review of the Impact of physical environmental factors on users” e riporta (con orgoglio) un esempio di ambiente ospedaliero studiato secondo il principio dell’home feeling.

Influenza dall’ambientazione sul paziente, sullo staff e sulla famiglia del paziente

Il corretto studio degli ambienti in ambito ospedaliero può contribuire alla riduzione degli errori medici, delle cadute e ri-cadute dei pazienti, oltre all’implementazione della privacy, del comfort e della sensazione di controllo da parte del paziente.
L’unione di questi fattori è in grado di creare un ambiente ospedaliero che favorisce la guarigione, ma quali sono i più importanti? Lo studio incrocia i dati di 798 articoli, fino ad arrivare ai fattori chiave che incidono maggiormente nell’influenzare positivamente la degenza e la guarigione dei pazienti:

  1. Ambienti con stanze tutte uguali: la standardizzazione riduce le possibilità di errore perché lo staff è aiutato dalla posizione identica di luci e layout.
  2. Illuminazione: una corretta illuminazione della postazione del paziente riduce drasticamente l’errore umano, soprattutto nella somministrazione di farmaci sbagliati.
  3. Comfort e materiali: il comfort generale nella stanza (temperatura, privacy, ecc.) è associato anche all’utilizzo di materiali, soprattutto se influenzano l’home feeling e l’accoglienza.
  4. Immagini e vista dalla stanza: l’utilizzo di immagini e di finiture naturali influenza positivamente la guarigione dei pazienti, così come la possibilità di avere una vista dalla finestra che mostra un paesaggio naturale (o fotografie similari visibili durante le terapie per “distrarre” il paziente)
  5. Visual Comfort”: la variazione e la direzione della luce durante i diversi momenti della giornata sono molto importanti. Infatti i pazienti che soggiornano in stanze luminose (meglio se con luce solare) hanno degenze più brevi.

Caso di applicazione: l’ospedale di Salford

Un esempio di applicazione di questi principi è il reparto di peparazione e risveglio dell’ospedale di Salford Royal Hospital (UK), realizzato con le teste letto Oki Flat di LM Medical Division per creare un ambiente più famigliare e meno ospedaliero:

Il layout è stato studiato ad hoc per facilitare lo staff medico, mantenendo però una sensazione di accoglienza data dalla speciale finitura in legno.
Dal punto di vista funzionale i tubi porta strumenti e la parte tecnica di servizio sono perfettamente integrati, con l’inserimento dei nostri prodotti per incrementare il comfort del paziente e dello staff nell’inserimento del letto in posizione.

L’illuminazione a led è dimmerabile, per permettere la facile regolazione dell’intensità a seconda dello stato di veglia del paziente e delle esigenze dello staff.
LM Medical Division è tra le prime aziende al mondo ad aver progettato e realizzato questo tipo di ambientazione, grazie ad una visione pioneristica rivolta al comfort del paziente, in un’ottica di healing furniture.